La letteratura per l’infanzia e il ruolo del traduttore

Introducción

La literatura para la infancia es necesaria tanto cuanto la traducción. Cuando somos niños lo que hacemos es imaginar, creamos mundos que no existen, nuevas historias donde nuestras fantasías toman vida. Lo hacemos para extrañarnos de la realidad y esta es la razón que nos lleva a leer. Esto es válido para todas las edades. La literatura representa una vía de fuga del mundo. A través de la literatura vivimos historias que no nos pertenecen, las hacemos nuestras, palabra tras palabra, nos identificamos con nuestros héroes y viajamos hacia mundos que no existen, deseamos ser Peter Pan para volar como él hacia la Isla que no existe o Alicia para caer como ella en el País de las Maravillas. Además, los libros son necesarios porque nos ayudan a crecer, a imaginar y algunas veces también a sobrevivir.

Vamos a ver ahora porque la traducción es necesaria. Gracias a la traducción podemos leer muchas de las obras que han acompañado nuestra infancia, basta pensar en los cuentos de los hermanos Grimm como Blancanieves y Cenicienta o aquellas escritas por Hans Christian Andersen como La bella durmiente y La pequeña cerillera. Sin traducción estos cuentos nunca habrían llegado hasta nosotros e incluso en este caso, el discurso es el mismo también con respecto a los grandes clásicos que tenemos la suerte de poder leer durante nuestra vida.

Introduction

I decided to write a thesis about children’s literature because today children prefer the company of a video game instead of that of a good book. When I was child I did not read so much as I do now but my home has always been full of books. Today life is too hectic to find five minutes to sit down and read a book, it is a luxury that not everybody can afford and often those people prefer to do something else. So I decided to get together in just a work three of my many passions: translation, that brought me to choose those studies; literature, that enrich me culturally and spiritually; and children, that I start to know better in those years. In this thesis I will try to show which is the reason that brings authors to write for children, and, after the researches I have done, I will try to explain what is translation for children’s books. I found out a world I did not know before and I found it really interesting. The most surprising thing was to find out how little is known about this subject and how old those studies are. I was surprised as well to learn that in Italy literature for children is not considered so important, indeed, the books I read for this thesis are not translated in Italian. So I used books written by some scholars like Zohar Shavit, Riitta Oittinen and Lawrence Venuti, which studies are about translation in languages like Finnish, Greek and English, despite this I had the possibility to read an Italian book about translation for children’s literature written by professor Stefania Tondo, who I had the pleasure to speak with, and she confirmed me that in Italy we are not so interested on this subject.

So in my thesis I will explain what is literature for children, how is translating this kind of literature and what are the strategies used.

La mia tesi

Ho deciso di scrivere una tesi che parli della letteratura per bambini perché al giorno d’oggi sono sempre di più i bambini che preferiscono un videogioco alla compagnia di un buon libro. Anch’io quand’ero bambina non leggevo quanto ora ma i libri a casa mia non mancavano mai. Oggi invece la vita è troppo frenetica e trovare cinque minuti per sedersi e perdersi tra le pagine di un libro è un lusso per pochi che spesso, purtroppo, preferiscono fare altro. Ho deciso quindi di riunire in un unico lavoro tre delle mie molte passioni: la traduzione, che mi ha portato a scegliere questo indirizzo di studi; la letteratura, che mi appassiona, mi ha arricchito non solo culturalmente ma anche spiritualmente; e i bambini e il loro mondo, che ho imparato a conoscere sempre meglio negli ultimi anni. In questa tesi cercherò prima di tutto di illustrare perché i libri per bambini vengono scritti e qual è il loro scopo, in seguito attraverso le ricerche di vari studiosi proverò a spiegare cos’è la traduzione dei libri per bambini. Le indagini che ho effettuato per scoprire qualcosa di più di questo mondo che mi era totalmente sconosciuto hanno portato a galla molte cose interessanti. La cosa che più mi ha stupito è stato constatare che non sono stati fatti molti studi al riguardo e quei pochi studi sono datati. Altra cosa che mi ha stupito è vedere come in Italia non venga data molta considerazione alla letteratura per l’infanzia, infatti di quasi tutti i testi che ho consultato non esiste una traduzione italiana. Tra i pochi studiosi che hanno studiato negli anni la traduzione dei libri per l’infanzia ho deciso di servirmi delle opere scritte da Zohar Shavit, Riita Oittinen, Lawrence Venuti che si rapportano quasi tutti alle traduzioni in una lingua diversa da quella italiana. Nonostante questo però ho avuto la fortuna di potermi confrontare con un testo italiano e ho avuto anche il piacere di parlare con la sua autrice, la professoressa Stefania Tondo, che mi ha dato la conferma di quanto sia scarso l’interesse verso questa disciplina nel nostro paese. Questo dato è sottolineato anche dal fatto che sono pochissime le opere italiane scritte per i bambini, la più celebre che viene spesso citata negli studi sulla traduzione è Pinocchio  di Carlo Collodi risalente al 1881, basta questo a far capire quanto risulti poco importante questo tipo di letteratura.

In questa tesi farò quindi una panoramica generale sulla letteratura per poi passare a parlare della traduzione e delle strategie che vengono impiegate per effettuarla.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.